Notizie, curiosità e storia

GELATO GASTRONOMICO

La figura dello chef si configura parte integrante del team della CMG dopo il suo ingresso nel 2012 tra i gelatieri, scultori di ghiaccio e pasticcieri.
Si celebra così il gelato gastronomico, nuovo must della ristorazione e della gelateria che si sposano in un connubio di professionalità e coesione.

Per la categoria di gara riservata all’alta cucina, il comitato organizzatore della Coppa del Mondo della gelateria ha proposto una definizione di gelato gastronomico maturata nel tempo:
È un gelato concepito e studiato per l’alta gastronomia; dovrebbe essere servito sempre in aggiunta e/o come completamento di un piatto di portata (sia entrée, sia main course, oltre al classico dessert).
Contrariamente a quanto accade con quello tradizionale, per la bilanciatura di questo particolare gelato è più importante la qualità degli zuccheri (considerando il loro potere anticongelante (pac) e dolcificante (pod), che la quantità degli stessi.
È un gelato che, relativamente agli altri ingredienti va strutturato ed equilibrato con i canoni tradizionali.
Fra i vari tipi di zuccheri che il gelatiere utilizza, la scelta dovrebbe cadere su quelli con basso tenore zuccherino, affinché l’elaborato risultando poco dolce esalti il sapore dell’ingrediente caratterizzante, che sarà quasi sempre uno di quelli utilizzati dai cuochi, per es. formaggi saporiti, pesce affumicato, fois gras, verdure, olio extravergine speziato ecc.

MYSTERY BOX una prova di alta professionalità per la VI edizione della CMG

Un vero e proprio test di abilità ad alta concentrazione si aggiunge alle prova di gara per la sesta edizione della Coppa del Mondo della Gelateria. I professionisti dovranno realizzare un inedito gusto di gelato servito su cono con gli ingredienti estratti sul momento con il “Mystery Box”. Una prova che metterà in risalto le reali abilità del gelatiere in grado di creare un gelato ottimo e ben bilanciato venendo a conoscenza solo poco prima della gara dei prodotti all’interno dei Mystery Box scelti fra le eccellenze mondiali.

MIGNON DI GELATO nuova categoria di gara per gli aspiranti campioni del mondo

Le squadre in gara per la sesta edizione della Coppa del Mondo della Gelateria, composte da quattro concorrenti con competenze in Gelateria, Cioccolateria-Pasticceria, Sculture di ghiaccio, Alta cucina e da un Team manager, dovranno mostrare le loro abilità professionali in sei prove: coppe decorate per il servizio al tavolo, torta gelato, prova di abilità sul cono, Entrée in abbinamento al gelato gastronomico, pezzi artistici in ghiaccio e in cioccolato per la presentazione del buffet e, novità di quest’anno, i mignon di gelato al cioccolato.

I concorrenti dovranno preparare sei tipi di mignon di gelato con prodotti di qualità e commestibili. Ulteriore difficoltà nella prova sarà il limite di peso. Ogni mignon di gelato dovrà pesare 40 g, con una tolleranza del 10% (in più o in meno). Il gelato dovrà essere presente nella misura minima del 50% del peso totale. La forma e la decorazione devono essere realizzate con elementi commestibili. Per la preparazione dei mignon dovrà essere utilizzato il gelato prodotto dalla squadra con il cioccolato dell’azienda sponsor.

GELATO IN TAVOLA

NEW DEAL GELATO ARTIGIANALE

GELATIERI E CUOCHI IN GARA PER UN NUOVO RINASCIMENTO

 Gelato in Tavola, che presentiamo nelle sue immagini più significative, è stato inglobato (come nuova prova) nella Coppa del Mondo della Gelateria, 5. edizione, Sigep Rimini 21-24 gennaio 2012. Infatti, dall’edizione 2012 ogni Team della Coppa del Mondo avrà al suo interno oltre al gelatiere Capitano, un cioccolatiere, lo scultore di ghiaccio e lo chef. Partecipa alla Giuria internazionale il Team manager della squadra.

Audacia e buon gusto, nuove forme e sapori inediti, profumi e strutture, nuove armonie di gusti. Il gelato nella ristorazione sta conoscendo un nuovo Rinascimento.

Il gelato, nato nell’alta gastronomia proprio durante il Rinascimento, ritorna arricchito di sei secoli di storia nella sua sede naturale: in Tavola.

Il mestiere artigianale del gelatiere è contemporaneamente rispettoso delle tradizioni e profondamente innovatore. La tecnologia lo ha liberato dalla fatica manuale e liberato, quindi, le sue potenzialità creative.

Oggi il gelatiere artigianale italiano è “artista” e “ricercatore”, si dedica alla soddisfazione dei palati più esigenti e raffinati; esce dal suo laboratorio per confrontarsi con grandi cuochi.

Il Concorso “Gelato in Tavola” era stato creato per stimolare questo processo, per evidenziare nuovi talenti, per confrontare idee, esperienze, tendenze, culture diverse e “altre”. Nella competizione, di altissimo livello internazionale, si sono confrontati nelle diverse edizioni squadre composte da un gelatiere e uno chef di cucina; ogni squadra presentava tre tipologie di elaborato:

– piatto di entrata

– piatto di portata

– dessert.

Ogni piatto (entrata e portata) comprendeva un gelato che doveva essere in armonia con l’elaborato costruito dello chef. La squadra proponeva anche il vino da abbinare a ogni piatto.

 

EDIZIONE 2009 (Buontalenti d’Oro) >

 

Vedi tutta la Photogallery >

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

EDIZIONE 2007 (Gelato in Tavola) >

Vedi tutta la Photogallery >

 

Sigep Gelato d´Oro Pubblicato il 17.06.2010

Per la gelateria artigianale il nuovo evento di SIGEP dal 2011 è Sigep Gelato d´Oro. Gran Premio Italiano della Gelateria, al quale parteciperanno singoli gelatieri segnalati dalle più autorevoli Associazioni di categoria. Il vincitore sarà nominato quale capitano della squadra azzurra del 2012 nella quale si occuperà della prova di gelateria. La competizione si inserisce nell´ambito del percorso legato alla Coppa del Mondo, organizzata da Rimini Fiera e CoGel-Fipe Confcommercio, evento che ha generato un movimento di interesse mondiale. A ogni edizione cresce l’adesione di nuovi Paesi e la preparazione professionale e tecnica delle squadre, chiamate a prove sempre più impegnative complesse e spettacolari. Dinamismo che si riscontra anche nella proliferazione dell´attività dei Club Coppa del Mondo, attivi in diversi Paesi proprio per arricchire i contenuti e i livelli qualitativi della competizione. In alcuni di questi Paesi si svolgeranno, contemporaneamente all’Italia, le selezioni delle squadre per la partecipazione all’edizione 2012 della CMG. Altra novità di grandissimo interesse: nella Coppa del Mondo è stata inserita la prova “gelato in tavola”, che vedrà la squadra arricchirsi di una nuova figura professionale: uno chef, che completerà la formazione dell’équipe in grado di affrontare una Coppa del mondo sempre più selettiva.

 

Coppa del mondo – edizione 2012 Italia: campione del mondo | pubblicato il: 30.01.08

“Edizione 2012 >”

Coppa del mondo – edizione 2010 Francia: campione del mondo | pubblicato il: 30.01.08

“Edizione 2010 >”

Coppa del mondo – edizione 2008 Italia: campione del mondo | pubblicato il: 30.01.08

La squadra italiana ha vinto la terza edizione della Coppa del mondo della Gelateria. Seconda classificata, la Francia; terza classificata, la Svizzera. Tutti i punteggi sono on-line alla sezione “Edizione 2008 >”

Coppa del mondo – edizione 2006 Vince l’Italia | pubblicato il: 11.06.2007

La squadra italiana ha vinto laseconda edizione della Coppa del Mondo della Gelateria. I campioni sono Beppo Tonon (Piavon di Oderzio, TV), Sergio Colalucci (Nettuno, RM), e Roberto Rinaldini(Rimini, RI). Allenatore, il maestro Pierpaolo Magni ( Missaglia, Lecco). Al secondo posto la Francia e al terzo l’Argentina. Dopo due giornate di lavoro, con la tensione che caratterizza i grandi appuntamenti, il risultato ufficiale è arrivato dopo i conteggi della giuria internazionale che ha premiato l’Italia con 1.612 punti, la Francia con 1.355 e l’Argentina con 1.344 punti. La Coppa del Mondo di Gelateria ha riscosso un successo enorme. Nelle due giornate le tribune sono sempre state gremite da gelatieri pronti a recepire i segreti dei maestri delle varie nazioni e la qualità dei professionisti all’opera, a giudizio degli esperti, è stata eccezionale. Nove le squadre in gara. Oltre all’Italia, hanno partecipato alla competizione Argentina, Brasile, Francia, Marocco, Polonia, Repubblica Ceca, Stati Uniti e Ungheria. Ogni squadra nazionale era composta da 3 gelatieri più 1 presidente di squadra, il quale di diritto ha fatto parte della Giuria, presieduta dal maestro Eliseo Tonti e coadiuvato dal presidente onorario, il MOF Gabriel Paillasson. “Questa seconda edizione è ancora più importante della prima” ha detto Paillasson durante la cerimonia di apertura. “Questo anche grazie alla cornice ideale data da questa Fiera. Abbiamo lavorato molto, ma la cosa più importante è l’amicizia che è nata tra di noi”. La qualità organizzativa offerta dal team della competizione, promossa da Rimini Fiera, dal Comitato Fondatore (Giancarlo Timballo, Luciana Polliotti, Alfio Tarateta, Eliseo Tonti, Pierpaolo Magni) e Cogel-Fipe, è stata premiata con la decisione di organizzare a Rimini anche la prossima edizione della Coppa del Mondo di Gelateria. La Coppa del Mondo della Gelateria si è articolata in diverse prove: coppe decorate, al gusto cioccolato, per servizio al tavolo; torta gelato, minimo due gusti, con inserimenti a piacere di semifreddi, palet di frutta, croccantini, pan di Spagna, frutta candita, ecc; vaschetta di vendita monogusto decorata con soggetto libero; cono di gelato decorato monogusto. Inoltre, le squadre si sono cimentate con la creazione di un pezzo artistico in gelato, un centrotavola per grandi buffet, con gelato al gusto fiordilatte modellato a mano o con l’ausilio di stampi, abbellito con guarnizioni alimentari e presentato su vassoio; infine  un’alzata di presentazione in zucchero, aderente al tema prescelto dalla squadra, per la presentazione della torta gelato. Alle prime tre squadre classificate un montepremi di 18.000 euro. La giuria della stampa presieduta da Gigi Padovani (La Stampa) e composta da Barbara Cannata (Rai1), Clara Vada (Guida L’Espresso), Milena Novarino (Pasticceria Internazionale), Ana Maria Galibert (Sorveteria Confeteria. Brasile), Laura Galli (Heladera, Panaderia Latinoamericana – Argentina), Alessandro Caprio (Ufficio Stampa Sigep), ha assegnato il premio speciale della stampa alla nazionale polacca per l’eccellenza dei gusti proposti e per l’armonia delle composizioni presentate. La squadra francesesi è aggiudicato il premio per la Miglior Alzata in zucchero (davvero eccezionale). Alla squadra U.S.A., capitanata dal grande Claude Lambertz, è andata la targa per la Miglior Torta, mentre alla squadra del Marocco – guidata da Kamal Essoulami Rahal – è andata la targa per la Miglior Coppa. La nazionale del Marocco ha presentato un insieme di proposte di altissimo livello sul tema “Pace e amore”. La squadra ungherese, composta esclusivamente da donne, si è aggiudicata il premio speciale per il Miglior Pezzo artistico in gelato. Alla giovane squadra della Repubblica Cèca è stata assegnata la targa per la Miglior Vaschetta  d’esposizione e ai bravissimi professionisti della squadra brasiliana il premio speciale per il Miglior Cono.

“Edizione 2006 >”

Coppa del mondo – edizione 2003 Vince la Francia| pubblicato il: 11.06.2007

“Edizione 2003 >”